Comunicati Stampa

L’A.S.I. si unisce all’appello della Regione Liguria per chiedere l’esenzione del bollo per auto e moto ventennali

Dopo l’approvazione della Legge di Stabilità 2015, la parola è passata alle
Regioni e si è generata una confusione difficile da dipanare.

L’avvocato Roberto Loi, Presidente dell’Automotoclub Storico Italiano, fa eco alle
dichiarazioni degli Assessori della Regione Liguria, Enrico Vesco e Pippo Rossetti
dichiarando: “Ho preso visione del comunicato in data 27/1/15 della Regione Liguria nelle
persone degli assessori Rossetti e Vesco in merito alle tasse automobilistiche per i veicoli
storici tra i venti e i 30 anni. Ringrazio questi ultimi per l’attenta considerazione per
l’argomento, augurandomi che il Governo ne rivolga altrettanta per questo comunicato.
Con i fatti capiremo qual è l’attenzione dedicata al nostro mondo sia sotto il profilo
sostanziale che quello puramente formale, per far sì che tutti i cittadini italiani si possano
trovare in una posizione paritetica di fronte alla Legge. Se così non fosse non potremmo
essere soddisfatti del Governo che abbiamo. Continuo a nutrire la speranza in una pronta
revisione di quanto inopportunamente deciso.” !
E’ del 27 gennaio, infatti, la notizia che gli Assessori liguri ai trasporti e al bilancio,
dopo un incontro con l’Avvocato Loi, hanno dichiarato che: “Il Governo deve mantenere
l’esenzione dal pagamento del bollo per le auto e moto storiche dai 20 anni in su”. Con
questa norma lo Stato interviene su una imposta regionale obbligando le Regioni ad
applicarla senza averne il consenso”. “La nuova disposizione che siamo costretti ad
applicare sulle auto e sulle moto d’epoca con meno di 30 anni – continuano i due
assessori – costringerà molti proprietari a rottamare il proprio veicolo per evitare di pagare
un bollo molto elevato. In pratica si passerebbe dagli attuali 28 euro per le auto e 11,39
per le moto, alla tassa di circolazione ordinaria. “Intorno alle auto e alle moto d’epoca –
concludono Rossetti e Vesco – vi è un indotto prezioso che coinvolge le carrozzerie, le
officine e tutte le attività artigianali che si prendono cura della manutenzione di questi beni
di valore storico e culturale, per questo chiediamo al Governo di ritornare sui suoi passi
confrontandosi con le regioni e le associazioni di categoria”. !
Dopo l’approvazione della Legge di Stabilità 2015, la parola per quanto riguarda la sua
applicazione è passata, dunque, alle Regioni, che hanno autonomia impositiva al
riguardo. L’A.S.I. ha iniziato immediatamente, anche attraverso i Club di ogni zona,
un’azione di lobby finalizzata a far comprendere agli amministratori locali le criticità di
questo provvedimento che, come come ha sostenuto fin dall’inizio, non porterà nelle casse
le cifre ipotizzate.
L’Associazione ricorda infatti che, i promotori della legge, erano partiti ad un’ipotesi di 3-4
milioni di veicoli ultraventennali, esonerati dal pagamento della tassa di possesso. In realtà
i numeri sono ben diversi: l’ASI, delegata a certificare tali veicoli, considera, invece, che
su tutto il territorio nazionale non siano più di 375.000.
Alcune Regioni, alle quali adesso si è aggiunta la Liguria, come l’Emilia Romagna, la
Lombardia e il Piemonte hanno recepito il messaggio e hanno mantenuto praticamente
inalterata la situazione del 2014, evitando provvedimenti che potrebbero penalizzare il
settore. Altre invece stanno applicando la direttiva, innescando un problema di fondo che
riguarda uno dei fondamenti della Costituzione, che vuole tutti i cittadini uguali di fronte
alla legge. Il rischio è quello di creare una grande confusione, che dimostrerà da un lato
l’esigenza di mettere ordine nel settore, evitando si penalizzare un’attività che porta e
mantiene posti di lavoro, conciliando dall’altro le esigenze di Stato e Regioni di
incrementare le entrate. Una proposta ragionevole, che si basava sull’esenzione per i
veicoli con un’elevata qualità di conservazione, era stata illustrata alla fine del 2014
dall’ASI e da questa si potrebbe partire per soddisfare tutte le esigenze. !
Dal punto di vista politico la proposta dell’ASI ha praticamente trovato
l’approvazione della stragrande maggioranza dei partiti sia di governo sia di
opposizione, ma la fretta del Governo di chiudere entro la fine dell’anno la Legge di
Stabilità ha impedito un più approfondito esame delle sue conseguenze.

La manovella La Manovella

Organo ufficiale dell'ASI, nata nel 1961, viene inviata a tutti i tesserati e distribuita in edicola con una tiratura di oltre 200.00 copie

ASI Service ASI Service

Società di servizi dell'ASI, si occupa di editoria e di merchandising, con volumi relativi al motorismo storico e capi di abbigliamento dedicati agli appassionati

Club Federati CLUB Federati

Consulta l’elenco dei Club Federati sul territorio nazionale, diviso per Regione, e scopri quello più vicino all'area di tuo interesse

Club Federati Ufficio Stampa

Per informazioni, collaborazioni o proposte puoi rivolgerti all'Ufficio Stampa di ASI ai recapiti che trovi nella sezione contatti o direttamente sul sito dell'agenzia.