FAQ

L’ASI rilascia i seguenti documenti:
• Certificato d’Identità
• Certificato di Rilevanza Storica e Collezionistica
• Carta FIVA
• Carta ASI di Storicità per Ciclomotori

Per poter effettuare l’aggiornamento e la ristampa corretta di un documento occorre restituire, attraverso il Club di appartenenza, l’originale con le indicazioni dei dati da correggere ed eventualmente della documentazione da cui si evincano tali dati.

Per poter effettuare l’aggiornamento e la ristampa dell’Attestato di Datazione e Storicità occorre restituire, attraverso il Club di appartenenza, l’originale del precedente documento e fornire contestualmente la copia della carta di circolazione aggiornata, per la verifica della proprietà. Il costo è di € 10.00

Sono iscrivibili all’ASI tutti i veicoli a motore (previsti del C.d.S.) che abbiano compiuto vent’anni dalla data di costruzione o di prima immatricolazione.

Per iscriversi all’ASI è necessario rivolgersi uno dei club federati presenti sul territorio nazionale, attraverso i quali avviene l’iscrizione. L’elenco completo è consultabile nella sezione Club.

Attualmente la quota associativa annua dell’ASI corrisponde a € 41,32 , da versare obbligatoriamente tramite un Club Federato ASI; a questa cifra si aggiunge la quota del club. La quota comprende anche la spedizione a tutti i tesserati della rivista ufficiale dell’ASI “La Manovella”.

Con delibera del dicembre 2008 il Consiglio Federale ha stabilito che la somma tra la quota ASI e quella del club debba avere un importo minimo pari a € 100.

La convenzione assicurativa “PER TE”, riservata ai tesserati ASI, è consultabile qui

Le nuove procedure di reimmatricolazione sono chiarite nella Circolare Ministeriale PROT. N. 19277/23.25 del 3 marzo 2010 scaricabile da qui.

Nel caso in cui le Amministrazioni locali (Comuni, Province e Regioni) varino dei provvedimenti di limitazione della circolazione senza una specifica deroga ai veicoli d’interesse storico, anche i veicoli iscritti all’ASI dovranno sottostare alle limitazioni.

La Manovella è la rivista ufficiale dell’ASI, che i tesserati ricevono gratuitamente.

Per inserire inserire un annuncio sulla rivista “La Manovella” occorre contattare la redazione all’indirizzo mail lamanovella@hotmail.com

I veicoli con impianto di alimentazione secondaria, quali GPL o Metano, possono essere iscritti e ottenere il CRS ai fini della circolazione.
Per ottenere, il Certificato di Identità invece, l’impianto deve essere storicizzato e dunque avere compiuto almeno 20 anni (come da Regolamento della CTN Auto).

La federazione all’Ente deve essere richiesta mediante domanda al Presidente, corredata dai documenti previsti dal Regolamento della Commissione Club (vedi sezione Commissioni/Commissione Club), nonché dalla dichiarazione di impegno ad accettare ed osservare per sé e per i propri iscritti le norme dello Statuto e dei regolamenti emanati dall’ASI. Alla domanda dovranno essere allegati:
• Atto Costitutivo
• Statuto
• elenco delle Cariche Sociali
• elenco dei Soci (che debbono essere almeno 120, di cui il 50% in possesso di veicoli storici)
• elenco dei veicoli di proprietà dei soci stessi

La domanda verrà vagliata dalla Commissione Club che, dopo un’attenta analisi del materiale pervenuto e gli incontri conoscitivi necessari, la sottoporrà al parere del Consiglio Federale.

Ogni 2 anni, come stabilito dal nuovo Decreto Ministeriale e dalla nuova Circolare del Ministero dei Trasporti (scaricala qui)

La circolare n.B53/2000/MOT, emanata dal Ministero dei Trasporti e della Navigazione conferma che “l’obbligo dell’installazione delle cinture di sicurezza ricorre, sia per i posti anteriori che per quelli posteriori, per tutti i veicoli della categoria M1 che, immatricolati a far data dal 15 giugno 1976, siano predisposti sin dall’origine con specifici punti di attacco.”
I veicoli immatricolati prima del 15 giugno 1976, saranno tenuti a montare le cinture solo se predisposti in origine dei punti di attacco.