IL MOTORISMO STORICO HA INCONTRATO L’ARTE SULLE VIE DELLA TRANSUMANZA

A bordo di autobus, autovetture e camion, tutti rigorosamente storici, sabato 4 settembre 15 equipaggi sono partiti da Lanciano (Chieti) alla volta di Castel del Monte (L’Aquila) per il raduno promosso dalla Commissione Veicoli Utilitari e Ricreazionali dell’ASI in collaborazione con il Club Frentano Ruote Classiche.

Si è trattato di un’occasione speciale in cui il motorismo storico ha incontrato l’arte sulle vie della Transumanza, attività pastorizia celebrata dal poeta abruzzese Gabriele d’Annunzio. Il pullman Fiat 470.10.20 del 1983, messo a disposizione dalla Collezione Di Fonzo di Vasto, si è trasformato in una galleria d’arte itinerante, ospitando a bordo le opere del collettivo di artisti “Atomosfera.7”, composto dal direttore artistico Achille Pace, Alfredo Celli, Rossano Di Cicco Morra, Bruno Di Pietro, Anna Donati (in arte Iskra), Massimo Pompeo, Anna Seccia e Franco Sinisi.

L’autobus di TransumArte ha preso il via da Castel del Monte e, nelle prossime settimane, porterà le opere del gruppo in altri siti culturali e archeologici d’Abruzzo e di altre regioni italiane. Dopo essere stato festeggiato da una mostra statica di mezzi storici, TrasumArte ha incontrato un gregge di pecore dei pastori locali per un simbolico momento di unione tra il mondo della pastorizia e quello dell’arte.

Come i pastori con le loro greggi attraversavano i territori nel tragitto della transumanza, così gli artisti di Atomosfera.7  “pastori dell’arte” intendono far dialogare l’arte contemporanea con il territorio, la natura, la società e il patrimonio materiale e immateriale dell’ambiente. Il collettivo intende, quindi, avviare una vera e propria transumanza d’arte. L’allestimento del pullman è infatti studiato per consentire l’esposizione delle opere, consentendo ad ogni visitatore di scoprire i vari lavori.

Oltre alle opere presenti sul pullman, il collettivo ha allestito due esposizioni tra i vicoli di Castel del Monte. La prima, nell’antico forno, dove sono state collocate delle piccole opere ispirate alla tradizione della panificazione, della legna e del fuoco realizzate dagli artisti per questa occasione. La seconda mostra è stata allestita nel piccolo locale sottostante l’antica chiesa di Santa Caterina d’Alessandria, con le opere che omaggiano la tradizione e il corredo delle antiche pratiche della transumanza: i verdi campi, la chiara luce del cielo, i colori della notte, i teli per proteggere il sonno, i laceri indumenti dei pastori, il dolce profumo della paglia, il sapore del pane raffermo.